Come replicare i macro indici azionari per una diversificazione intelligente

Replicare, con ETF, i macro indici azionari permette una diversificazione intelligente del proprio portafoglio. Cosa sono e come sono composti tali indici?

Quante volte hai sentito dire che la diversificazione è fondamentale per i tuoi investimenti?

E quante volte ti sarai chiesto quanti strumenti diversi è bene acquistare, per essere davvero sicuro di aver diversificato abbastanza?

La buona notizia è che, in questo articolo, vedremo che gli acquisti da effettuare sono veramente pochi e che puoi modulare in maniera semplice il livello di rischio.

La notizia meno buona è che ci sono moltissimi modi per diversificare, quindi non si avrà mai la sensazione di essere completamente soddisfatti. Ma niente paura, a fine articolo saprai esattamente come comportarti aggiungendo anche un tocco di personalizzazione, che renderà il tuo investimento più efficace.

Nota bene: in questo articolo trattiamo la diversificazione della sola quota azionaria del portafoglio. E’ chiaro che un investitore saggio non dovrebbe mai trascurare anche la parte obbligazionaria, da affiancare a tutto il resto nelle percentuali che più ritiene adatte al suo livello di rischio.

Macro categorie di mercati

Partiamo con la macro-suddivisione per eccellenza dei mercati, che ci aiuterà a definire il principale driver del tuo portafoglio.

Hai sicuramente sentito parlare di Developed Markets (mercati sviluppati). Fanno riferimento alle principali piazze borsistiche, con volumi importanti e forte influenza sulle altre economie periferiche. Non a caso esiste un detto, in varie versioni, che recita che quando Wall Street ha la tosse, il resto del mondo può aspettarsi la polmonite.

Molto probabilmente conosci anche gli Emerging Markets (mercati emergenti). Parliamo di quei paesi che viaggiano verso uno sviluppo economico completo, con grandi margini di crescita, ma con rischi annessi. Brasile, Russia, India, Cina (i cosiddetti BRIC) ne sono gli esempi più noti.

Se non sei un nerd dell’investimento, forse non conoscerai i Frontier Markets (mercati di frontiera). Poco male, perchè ne abbiamo parlato in un altro articolo e puoi approfondire quando vuoi. Sono i mercati di quei paesi che si stanno affacciando alla ribalta dell’economia mondiale. Mercati che, per volumi e fondamentali, non sono da considerarsi nemmeno emergenti. Attenzione che non stiamo parlando del terzo mondo, c’è un Frontier Market quasi confinante con noi…

Quello che pochi conoscono è la composizione esatta di queste macro-categorie di mercato. Tutti ne parlano ma quasi nessuno la ha mai vista.

Problem solved: ecco la fantastica categorizzazione ufficiale, offerta dal sito MSCI, che si occupa di gestire gli indici economici mondiali che moltissimi strumenti replicano (ETF in primis). Viene rivista con cadenza minima annuale. Ci troverete alcune sorprese.

MSCI Market Classification - Credits: www.MSCI.com

MSCI Market Classification – Credits: www.MSCI.com

Avrai già notato i 3 indici fondamentali su cui lavorare per il tuo investimento.

  • MSCI World Index: A dispetto del nome, questo indice replica i soli Developed Markets.
    Strumenti correlati su cui puoi puntare per replicarlo:
    • iShares Core MSCI World UCITS ETF (EUR) | SWDA
      • Spese correnti: 0,20% annuo
      • Rendimenti
        • YTD: -0,93%
        • 1-Anno: -2,98%
        • 3-Anni Ann.ti: +10,43%
        • 5-Anni Ann.ti: +13,77
  • MSCI Emerging Markets Index
    Strumenti correlati:
    • Amundi ETF MSCI Emerging Markets UCITS ETF EUR (EUR) | AEEM
      • Spese correnti: 0,20% annuo
      • Rendimenti
        • YTD: +10,91%
        • 1-Anno: +1,36%
        • 3-Anni Ann.ti: +3,31%
        • 5-Anni Ann.ti: +3,97%
  • MSCI Frontier Markets Index
    Su Borsa Italiana non esiste ancora un ETF che replichi tale indice, ma ne esiste uno correlato ad un indice praticamente simile.
    • db x-trackers S&P Select Frontier UCITS ETF 1C (EUR) | XSFR
      • Spese correnti: 0,95% annuo
      • Rendimenti
        • YTD: +16,94%
        • 1-Anno: +6,99%
        • 3-Anni Ann.ti: +5,38%
        • 5-Anni Ann.ti: +6,43%

I rendimenti indicati sono calcolati al 4/11/16, fonte Morningstar. Per ciascuna categoria è stato indicato l’ETF più conveniente (in termini di costi annui) e con volumi accettabili.

Come investire in pratica?

Niente di più semplice. Hai a disposizione i 3 ETF sopra indicati, da miscelare a tuo piacimento in base al livello di rischio.

Come hai visto dalla tabella con le macro-categorie, sono disponibili indici compositi, che includono una o più delle macro-categorie. Il più celebre è il MSCI ACWI Index, che replica il complessivo di Developed ed Emerging Markets. Replicandolo direttamente con un ETF, tuttavia:

  • non puoi scegliere in autonomia il giusto mix di developed ed emerging markets
  • si sostengono costi di gestione più alti

Per questi motivi, è bene ragionare esclusivamente sugli ETF sopra indicati e, in base al tuo livello di rischio, definire il tuo portafoglio.

Non dimenticare mai che l’investimento azionario va sempre visto in ottica di medio-lungo termine e che va sempre accompagnato da una parte obbligazionaria del portafoglio.

Ecco di seguito alcune possibili soluzioni, in base al livello di rischio.

  
  
  
Categoria Peso Strumento
Developed 70% iShares Core MSCI World UCITS ETF (EUR) | SWDA
Emerging 30% Amundi ETF MSCI Emerging Markets UCITS ETF EUR (EUR) | AEEM
  
Categoria Peso Strumento
Developed 60% iShares Core MSCI World UCITS ETF (EUR) | SWDA
Emerging 35% Amundi ETF MSCI Emerging Markets UCITS ETF EUR (EUR) | AEEM
Frontier 5% db x-trackers S P Select Frontier UCITS ETF 1C (EUR) | XSFR
  
Categoria Peso Strumento
Developed 50% iShares Core MSCI World UCITS ETF (EUR) | SWDA
Emerging 40% Amundi ETF MSCI Emerging Markets UCITS ETF EUR (EUR) | AEEM
Frontier 10% db x-trackers S P Select Frontier UCITS ETF 1C (EUR) | XSFR

Specializzare l’investimento

Sei arrivato a leggere fin qui? Allora ti meriti qualche spunto aggiuntivo, che può veramente dare il tocco in più al tuo portafoglio.

Scegliendo i 3 ETF di cui sopra, sicuramente hai una copertura molto ampia sia a livello geografico che settoriale.

La composizione interna è però, come è giusto che sia, la replica dei componenti dell’indice, che per un motivo qualsiasi, potrebbero non convincerti appieno.

Solo a titolo di esempio, l’indice MSCI World è composto per quasi il 60% da titoli USA, e solo per il 3% da Real Estate.

E se questo non piacesse? E se non piacesse nemmeno che l’indice MSCI Emerging Markets ha meno del 4% investito in Russia?

Nulla di più semplice, basta ritagliare una quota del portafoglio per gli investimenti settoriali o geograficamente focalizzati, di cui sei convinto.

Attenzione a non esagerare negli investimenti ultra-specializzati, e bada che il loro peso complessivo non sia eccessivo: già un 10% totale è forse troppo. Al contrario, volendo puntare su settori macro e non troppo volatili (es Europa area Euro), abbonda con piacere se ne sei convinto.

Solo a titolo d’esempio, per darti una idea, supponiamo che si vogliano sovrappesare le seguenti componenti:

  • Titoli Tecnologici: Lyxor MSCI World Information Technology TR UCITS ETF
  • India: Amundi ETF MSCI India UCITS ETF EUR
  • Africa: LYXOR PAN AFRICA UCITS ETF

Supponiamo di voler allocare rispettivamente il 3%, 3% e 1% alle aree sopra indicate. Ciascun investimento andrà ad erodere la quota di portafoglio dedicata alla macro-area corrispondente.

Partendo da un portafoglio a rischio medio, il risultato potrebbe essere il seguente.

  
Categoria Peso Strumento
Developed 57% iShares Core MSCI World UCITS ETF (EUR) | SWDA
3% Lyxor MSCI World Information Technology TR UCITS ETF
Emerging 32% Amundi ETF MSCI Emerging Markets UCITS ETF EUR (EUR) | AEEM
3% Amundi ETF MSCI India UCITS ETF EUR
Frontier 4% db x-trackers S P Select Frontier UCITS ETF 1C (EUR) | XSFR
1% LYXOR PAN AFRICA UCITS ETF

Chiaramente i pesi e le scelte effettuate sono puramente esemplificative. Sostituiscile con ciò che ritieni migliore e avrai dato il tuo tocco finale ad un portafoglio solido e diversificato.

  
  
  

Aggiungi commento